Monti del Matese, da Piana delle Secine

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Monti del Matese, da Piana delle Secine

Messaggio  Admin il Mar Apr 30, 2013 8:50 am

"Monti del Matese, da Piana delle Secine"
http://www.flickr.com/photos/95361055@N04/sets/72157633369528859/
Cai Stabia con Cai Piedimonte


PARCO REGIONALE DEL MATESE
costituisce l'Appennino centro-meridionale ed e’ compreso in due regioni, Molise e Campania con rispettive 4 province, Campobasso e Isernia in Molise, Benevento e Caserta in Campania.
La cima più alta è al confine tra Campania e Molise ed è monte Miletto 2050m.
Il primato in assoluto, in Campania, spetta comunque al m.Cervati(1898m) del parco nazionale del Cilento.
Altre vette matesane sono Gallinola 1923m, Mutria 1822m, Porco 1605m, Janara 1565m, Cappello 1406m, Erbano1385m, Monaco di Gioia 1332m, Maio 1302m, S. Angiolillo 1290m, Acuto 1266m.
Il perimetro del Matese è delimitato a Ovest e a Sud dal Volturno, dal Calore pure a Sud, il Tammaro ad Est, e a Nord dal Biferno.
Ad ovest si affaccia sulla valle del medio Volturno in vista dei monti Trebulani, a est sulla zona preappenninica molisana, a nord è limitato dai monti delle Mainarde e dallla Maiella, e a sud sui monti di Camposauro e Taburno.
In linea d’aria, il Matese ha una lunghezza massima di 45km ca che va dal territorio di Isernia fino a quello di Pontelandolfo, ed una larghezza minima di 20 km ca da Boiano a Piedimonte Matese.
Il massiccio del Matese si formo’ durante la Quarta glaciazione, attorno ai 75mila anni fa (epoca Quaternaria), come un grosso ghiacciaio.
Successivamente emerse dal mare, durante l’era Terziaria o Cenozoica, creando dei suggestivi fenomeni carsici: canyon, inghiottitoi, grotte e abissi, tra i quali il Pozzo della Neve, il quarto abisso per dimensioni in Italia con i suoi 1.050 metri di profondita’ e Cul di Bove di 950 metri.
Il gruppo montuoso matesano ha la superficie di circa 50.000 ettari, corrispondente a 1.500 kmq, ed interessa i 20 comuni tra prov. di Caserta:
Ailano, Alife, Capriati al Volturno, Castello del Matese, Fontegreca, Gallo Matese, Gioia Sannitica, Letino, Piedimonte Matese, Prata Sannita, Raviscanina, S. Angelo d'Alife, S. Gregorio Matese, S. Potito Sannitico, Valle Agricola
e prov. di Benevento:
Cerreto Sannita, Cusano Mutri, Faicchio, Pietraroja, San Lorenzello in provincia di Benevento.
Attorno al Matese sorsero, già prima dell’avvento dei romani, i primi insediamenti da parte degli osco-sanniti, i quali fondarono le città di Aesernia, Bovaianum sannita, Saipins sannita, Mucrae, Tulisiom sannita, su monte Acero, su monte Cila, Alliphae, su monte Cavuto: Callifae, Rufrae e Venafrum.
La prima via transmatesina, che ricalcava probabilmente la pista dei pastori sanniti, fu costruita dai romani che da Allifae conduceva a mezzacosta verso Piedimonte vecchia(una lapide che la ricorda è affissa in un muro antico), Castello del Matese, San Gregorio Matese, per Pretemorto (attuale Miralago), campo Majuri, valico di Sella del Perrone, discesa al Quirino, e discesa sulla via Herculia che finiva a Saepinum. Altra via romana saliva da Telesia, passava a destra di monte Cigno, attraversava le alte terre di Pietraroja e si dirigeva forse a Saepinum, o deviava a destra verso Mucrae(Morcone).
Da fine ‘800 iniziarono le rotabili. La via principale fu iniziata nel 1905 a Piedimonte, nel 1912 raggiunse Castello del M., nel 1928 San Gregorio M., nel 1932 Pretemorto (Miralago), nel 1954 Guardiaregia molisana.

Admin
Admin

Messaggi : 193
Data d'iscrizione : 01.02.08

http://forumdeiciclisti.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum